Galleria fotografica  

01 02 03 04 DSC00187 bella rotta (1024x768) 05 DSC00039 rotta Alpone bella (1024x768) 06 Rotta_Megliadino_saletto (1024x683) 07 DSCF5163 tasso bella (1024x768) 08 IMG_4699 bella (1024x768) 09 Rotte a monte di Caldogno (1024x683) 10 DSC00002 bella (1024x768) (2) 11 DSC00016  Tramigna  bella (1024x768) (2) 13 IMG_4713 bella (1024x768) 12 DSC00169 bella da elicottero (1024x768) 14 IMG_4720 bella (1024x768) 15 DSC00015  Tramigna bella (1024x768) 16 Veggiano1 (1024x683) 17 Vicenza_stadio_Menti (1024x683) (2) 18 IMG_4701 bella (1024x768) 19 Vicenzacittà (1024x683) (2)
   

La valutazioni ambientale ex ante delle derivazioni idriche

 

 

Lungo il percorso avviato per l’attuazione della Direttiva 2000/60, nel Distretto delle Alpi Orientali si è già affrontato il tema degli effetti della presenza delle derivazioni idriche in relazione agli obiettivi di qualità ambientale dei corpi idrici superficiali e sotterranei, ed in particolare si è inserita nel Programma di Misure del secondo Piano di Gestione del Distretto Idrografico delle Alpi orientali una specifica misura per la tutela dei corpi idrici in relazione ai procedimenti autorizzativi su nuove concessioni per uso idroelettrico. Il tema, tuttavia, anche in esito ai quesiti sollevati dalla Comunità Europea sulla questione delle procedure di valutazione dei prelievi (caso EU PILOT 6011/14/ENVI e caso EU PILOT 7304/15/ENVI), richiedeva una iniziativa per rendere omogenee, su tutto il territorio nazionale, le modalità di valutazione, da un punto di vista ambientale, dell’impatto delle derivazioni sui corpi idrici in relazione al loro stato ed agli obiettivi di qualità fissati dai Piani di Gestione.


Con questa finalità, con il decreto direttoriale STA 29/2017, successivamente modificato con il decreto STA 293/2017, sono state adottate specifiche Linee guida per indirizzare le Autorità concedenti in merito all’applicazione delle disposizioni di cui al comma 1, lettera a) dell’art. 12 bis del R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775, richiedendo, per questo scopo, alle Autorità di bacino distrettuali di adeguare gli approcci metodologici da utilizzare per l’effettuazione delle valutazioni ambientali ex ante delle derivazioni idriche.
Di seguito sono richiamati gli elementi caratterizzanti le attività sinora svolte.

decreto 29/STA:  decreto Allegato A – acque superficiali  -  Allegato B – acque sotterranee

Gruppo di lavoro nel Distretto delle Alpi Orientali

Individuazione approccio metodologico di Distretto

   
© Distretto delle Alpi Orientali