banner deflusso ecologico
banner deflusso ecologico
banner Osservatorio


 

 

   

Galleria fotografica  

01 02 03 04 DSC00187 bella rotta (1024x768) 05 DSC00039 rotta Alpone bella (1024x768) 06 Rotta_Megliadino_saletto (1024x683) 07 DSCF5163 tasso bella (1024x768) 08 IMG_4699 bella (1024x768) 09 Rotte a monte di Caldogno (1024x683) 10 DSC00002 bella (1024x768) (2) 11 DSC00016  Tramigna  bella (1024x768) (2) 13 IMG_4713 bella (1024x768) 12 DSC00169 bella da elicottero (1024x768) 14 IMG_4720 bella (1024x768) 15 DSC00015  Tramigna bella (1024x768) 16 Veggiano1 (1024x683) 17 Vicenza_stadio_Menti (1024x683) (2) 18 IMG_4701 bella (1024x768) 19 Vicenzacittà (1024x683) (2)
   

 

Numero 21 - luglio 2021
 | La newsletter dell'Autorità di bacino distrettuale |
Se non vedi correttamente questa newsletter clicca qui.
Condividi Condividi
Inoltra agli amici Inoltra agli amici
Nuovo su Telegram? Scarica l'app sul tuo cellulare e/o sul tuo pc e segui il nostro canale di aggiornamento sulla partecipazione pubblica https://t.me/alpiorientali


E You Tube? Iscriviti al nostro canale e ricevi le notifiche

 
Buongiorno e bentrovati.
Apriamo questo numero con la prima intervista al Segretario Generale, Marina Colaizzi. 

Da alcune settimane in carica, un'agenda fittissima di appuntamenti, ci riserva uno spazio per presentare il suo obbiettivo, con margine di azione sia sulla pianificazione del distretto idrografico sia sugli interventi e i finanziamenti che si renderanno disponibili col Piano nazionale di ripresa e resilienza e dalle politiche ambientali e agricole dell'Unione.
A Marina Colaizzi è inoltre stato riservato un intervento, insieme ai vertici dei consorzi di bonifica veneti, al convegno ANBI Veneto a Treviso, dedicato alle Opportunità PNRR per l'agricoltura irrigua e per la tutela del paesaggio. Lo proponiamo in questo numero.

 

Prosegue il percorso partecipativo con l'incontro tematico sul progetto di piano di gestione del rischio di alluvioni in programma mercoledì 28 luglio alle ore 10:00 in diretta streaming dal sito www.alpiorientali.it. Il team della direzione idraulica risponderà alle Vostre richieste di approfondimento su nuove misure e criteri di prioritizzazione.
I progetti di piano di gestione del rischio di alluvioni e delle acque sono in consultazione
dall'inizio di marzo e c'è tempo fino al 6 settembre per far pervenire osservazioni scritte. Seguite qui la procedura di consultazione telematica. 

E inoltre un avviso importante:

A tutti coloro che hanno richiesto notizie in merito all'entrata in vigore delle norme del Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA), diamo qui ulteriore avviso che le stesse entreranno in vigore solo dopo l'adozione del PGRA (I aggiornamento). Fino a quel momento continuano ad essere efficaci le conoscenze, le disposizioni e le mappature dei Piani per l’Assetto Idrogeologico, nonché le misure di salvaguardia assunte con delibera della Conferenza Istituzionale Permanente n. 8 di data 20 dicembre 2019 (G.U. n. 78 del 24 marzo 2020). Vi riproponiamo l'avviso dal nostro sito.


Buona lettura!
 
Il video dell'intervista.
 
L'intervista esclusiva a Marina Colaizzi, Segretario Generale dell'Autorità di bacino distrettuale delle Alpi Orientali.
 
 - Ben arrivata, la sua nomina è stata a lungo attesa, rappresenta un passo significativo nella prosecuzione della governance distrettuale.
Grazie, sono consapevole di quanto sia importante questo ruolo, delle responsabilità che ne conseguono, di quanto ci sia ancora da fare anche perché siamo in prossimità di scadenze importanti dell’Autorità di distretto. Prendo il testimone da una persona che stimo, che ho avuto il piacere di conoscere e con cui ancora tengo rapporti di amicizia, l’ingegner Baruffi.
Vengo dal Ministero dell'ambiente, ora diventato Ministero della transizione ecologica, ma muovo i primi passi nella pubblica amministrazione dal ’92, con qualche esperienza pregressa nel settore privato. Ho iniziato ad occuparmi di concessioni di derivazioni che riguardavano proprio questo territorio del Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto e quindi ho iniziato a prendere confidenza con la materia delle acque a partire dal testo unico del ’33. Al Ministero mi sono occupata della regolazione del servizio idrico integrato presso il comitato nazionale di vigilanza sulle risorse idriche, dove ho avuto il piacere di lavorare col professor Passino. Quando è stato abrogato questo comitato, col passaggio all'autorità di regolazione AEEGSI, ora ARERA, sono entrata a far parte della direzione generale della salvaguardia del territorio e in quell'occasione ho avuto il piacere e la fortuna di lavorare con la dottoressa Gaia Checchucci, a cui devo un grazie particolare perché mi ha dato l'opportunità di occuparmi in maniera ancor più pregnante di queste tematiche, in quanto mi assegnò al coordinamento della divisione che si occupava dei distretti e del piano di gestione delle acque e tutela delle risorsa idrica. Possiedo una formazione trasversale, economica, giuridica e tecnica. Ho acquisito competenze e conoscenze sugli aspetti che riguardano molto l'attività di ingegneri, geologie e biologi, le attività delle autorità di distretto e di questa autorità in particolare.
- Lei è abituata ad operare nel campo e si confronta da molto tempo con problematiche ambientali ed idrologiche. Le chiediamo in relazione alle prerogative di segretario generale, il suo pensiero sulle questioni più rilevanti.
Sicuramente credo sia fondamentale il rapporto stretto con il territorio di riferimento quindi sia con le istituzioni, poiché il nostro punto di riferimento sono le regioni e le province autonome, sia con gli stakeholders e gli operatori di settore. È fondamentale creare un dialogo costruttivo e reciproco di informazioni e di scambio anche di visioni differenti per cercare di convergere e pervenire a soluzioni di mediazione di tutti gli interessi in gioco, spesso tra loro anche contrapposti. Quest’anno dobbiamo aggiornare i due piani di gestione delle acque e del rischio di alluvioni, i due pilastri, cardine del nostro operato incardinato sulle due direttive quadro 2000/60 e 2007/60. Entrambe le direttive hanno finalità differenti, tutela della risorsa idrica e tutela dalle acque, che sembrerebbero contrastanti ma che poi convergono sull’approccio alla gestione integrata della risorsa idrica. All’Unione Europea è importante dimostrare gli sforzi che sono stati fatti in questi anni per la conoscenza dello stato di salute dei corpi idrici, cosa è stato fatto e cosa verrà fatto perché si mantenga questo stato di qualità, quali sono le strategie, le possibilità per la lotta ai cambiamenti climatici, che pure ci coinvolgono, e che quindi comportano un passaggio tra i due estremi, il rischio siccità e il rischio alluvioni.  Mi riferisco anche all'altro strumento di pianificazione della gestione del rischio di alluvioni, alla delimitazione delle mappe di pericolosità e di rischio idraulico e a come queste si inseriscono nel territorio. Proprio a tal riguardo, stiamo avviando una forte interlocuzione con le regioni e le province autonome, perché è necessario ai fini della adozione del piano di gestione del rischio di alluvioni, comporre le norme di attuazione dello stesso che vadano a contemperare quegli interessi, che possono essere contrastanti e che investono poi soprattutto la politica territoriale dei comuni. Questi i due principali traguardi che ci vedono impegnati fino al 22 dicembre di quest'anno, con l'approvazione dei due aggiornamenti dei piani. Un altro importante passo a cui tengo è l’impegno da parte di tutta la struttura di portare a definizione ciò che riguarda i finanziamenti che potranno arrivare dal piano nazionale di ripresa e resilienza, il PNRR, un impegno su cui dovremo concentrare le nostre attenzioni ed energie.
- Partecipazione e consultazione dei progetti di piano, il suo punto sul percorso in atto.
In questo momento è aperta proprio la fase di consultazione pubblica che si chiuderà a metà del mese di settembre. In questo periodo, auspichiamo che vengano rappresentate le esigenze del territorio perché per quanto l'Autorità di bacino faccia “esercizio di conoscenza e monitoraggio” delle situazioni, è anche vero che è importante in questa fase che i soggetti interessati manifestino attraverso la consultazione pubblica le loro esigenze. Terremo debitamente conto di queste. Ci confronteremo anche in sede di Conferenza Operativa, per poter poi portare a compimento la pianificazione e trovare quindi quella sinergia, quella complementarità tra il nostro lavoro e le esigenze del territorio e portare poi in ambito della Conferenza Istituzionale Permanente le due pianificazioni condivise con il territorio.
- Per concludere, prime impressioni rispetto agli stimoli di queste prime settimane?
Provo emozioni contrastanti: l’entusiasmo, l'emozione impressa dalla bellezza di Venezia, di questa sede meravigliosa in cui ci troviamo. Ho trovato uno staff qualificato, preparato, presente e anche appassionato, quindi questo non potrà che aumentare la spinta a portare avanti questo compito molto importante, che richiede grande responsabilità, che non mi sottraggo dall'assumere, con l’auspicio di buoni risultati. Concludo (chiosando): siamo tutti sulla stessa barca e quindi dobbiamo trovare la giusta rotta per arrivare tutti allo stesso obiettivo, che è quello di salvaguardare le risorse idriche, la laguna e la città di Venezia, il territorio dal rischio di alluvione, dal rischio siccità. È interesse di tutti, e l’Autorità di distretto costituisce la sintesi di questi interessi, trovare compimento e convergere verso un obiettivo comune. Saluto tutti affettuosamente.
 
OPPORTUNITÀ PNRR PER L’AGRICOLTURA IRRIGUA E PER LA TUTELA DEL PAESAGGIO

Treviso, 28 giugno 2021. Primo incontro pubblico nelle vesti di Segretario Generale dell’Autorità di bacino distrettuale delle Alpi Orientali al convegno e tavola rotonda organizzato da ANBI Veneto. Adozione dell’aggiornamento dei piani di gestione del rischio alluvioni e delle acque, confronto con il territorio e gli operatori dei vari settori, Piano nazionale di resilienza e ripresa, transizione verde e digitale. Temi caldi come caldi, o roventi, sono questi giorni di luglio 2021. Marina Colaizzi è arrivata da pochissime settimane e va al nocciolo delle questioni rilevanti, con un intervento che vi proponiamo qui in versione integrale. 
Nell'accogliente sede ANBI di Treviso che ha ospitato il convegno, il Segretario Generale si rivolge anche ai Consorzi di bonifica per consentire una pianificazione effettivamente rispondente alle esigenze del territorio e al superamento delle criticità in esso presenti.
 
LO STATO DELLA RISORSA IDRICA DEL DISTRETTO IDROGRAFICO. BOLLETTINO MENSILE
dalla redazione
La situazione aggiornata al 9 luglio 2021, dopo la valutazione in sede di Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici. (Ascolta il podcast)

Potete trovare il notiziario qui.
 



 

INCONTRO TEMATICO #IoPartecipoOnline

PROGETTO DI AGGIORNAMENTO del

PIANO DI GESTIONE DEL RISCHIO DI ALLUVIONI


Diretta streaming sul sito
www.alpiorientali.it

28 luglio 2021, ore 10:00


Ascolta il messaggio qui.

 
 
 
Nuovo su Telegram? Scarica l'app sul tuo cellulare e/o sul tuo pc e segui il nostro canale di aggiornamento sulla partecipazione pubblica https://t.me/alpiorientali


E You Tube? Iscriviti al nostro canale e ricevi le notifiche

 
Condividi Condividi
Inoltra agli amici Inoltra agli amici
Website
YouTube
 
Copyright © Autorità di bacino distrettuale delle Alpi Orientali

Iscriviti alla newsletter dell'Autorità di bacino distrettuale inserendo il tuo indirizzo di posta elettronica in questa pagina.
L'Autorità di bacino distrettuale delle Alpi Orientali è titolare del trattamento dei dati utilizzati per inviare la newsletter. I dati sono gestiti nel rispetto delle norme vigenti. Gli indirizzi non saranno in alcun modo comunicati né diffusi ad altri. In ogni momento è possibile cancellarsi dalla newsletter tramite questo collegamento.


Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list.

 
   
© Distretto delle Alpi Orientali